Restituitemi la felicita’

(di Ugo Rizzato)

Trama:

Una commedia di comicissime fregature e inganni! In un felicissimo luogo di delizie, il Demonio con un divertentissimo e sgangherato ammasso, di Satanassi e “Satanasse”, progetta continuamente infinite seduzioni. Trattenere questa banda di comicissimi disonesti e iniqui esagitati, è assolutamente impossibile! Il Signore andrà su tutte le furie, per dare loro una esilarante punizione, li invia in modo buffissimo tutti sul globo terrestre, per scontare i loro ridicolissimi peccati. In una nuova esistenza avranno successo riusciranno ad essere più buoni? Scoveranno e ritroveranno l’allegria e la gioia? Quale divertentissimo incarico sarà loro assegnato nel mondo? Dove saranno inviati tutti? Li invierà insieme e in modo comicissimo a Saluzzo!!! Chi di noi non si è mai chiesto, almeno una volta nella vita, che cos’è la felicità? Sono felice? Credo che questo commedia ne dia una spiegazione. Una tra i milioni di possibilità. Ma una valida e, alla fine, poetica. È un trama leggera e divertente, tipicamente piemontese. È un commedia che libera l’animo da brutti pensieri e per due ore ti fa sentire leggeri. La storia è semplice. La vicenda del secondo atto è ambientata a Saluzzo, dove Primo, come Monsù Travet, svolge in modo coscienzioso il suo lavoro. Subissato dai soprusi e dalle ingiustizie subìti da tutte le persone che lo circondano e dalle lamentele delle persone che vivono con lui. Lui è sempre un clown triste e vede “il bicchiere sempre mezzo vuoto”. Al nostro Monsù Travet ne capitano di tutti i colori. Situazioni folli e paradossali. Questo a dimostrazione che l’amore, come la felicità, non ha un prezzo! È universalmente valido dalle “stelle” alle “stalle”! La commedia è leggera ma i personaggi sono difficili da interpretare perché sono clowneschi. Ecco perché gli attori devono essere eccelsi nel intrecciare la realtà e la fantasia! Devono essere molto professionali e comici. Situazioni irreali e reali, un particolare miscuglio che non stona, anzi. Soprattutto per ritrovare il sorriso spesso spento dalla realtà che ci opprime e ci rende schiavi di un sistema da cui ogni tanto è bene risollevarsi. Inoltre la storia ci dimostra che la Felicità va cercata davvero! Perché è nelle piccole cose di ogni giorno! La Felicita è uno stato d’animo! È vedere sempre “il bicchiere mezzo pieno”. Insomma per me questa commedia non potete perderla!

Interpreti

  • Primo, contadino: Mauro Boero
  • Evalina, moglie di Primo: Ilaria Ferrero
  • Dr. Serafico, veterinario: Lionello Nardo
  • Sibilio, cantastorie: Jacopo Rainero
  • Ferruccio, venditore ambulante: Ugo Rizzato
  • Nina, prostituta: Luana Pes
  • Lilli, amica di Nina: Erica Oldano
  • Rino, fratello di Evalina: Michele Mentini
  • Mariel, assistente sociale: Valentina Giordano
  • Padre Rugatta, Il Prete: Franco Bellino
  • Melania, infermiera: Anna Gavatorta
  • Agogna, dottoressa: Paola Barbero

Regia: Valter Scarafia

Ecco le foto dello spettacolo:

(Fotografie realizzate dallo Studio Renato Trucco, Saluzzo)

The Flash Player and a browser with Javascript support are needed.